Eurovision Song Contest 2011: cosa ci siamo persi negli ultimi 13 anni

Dato che nessuno ha avuto la malaugurata idea di spedirmi a Düsseldorf a fare da kermesse police, l’Eurovision Song Contest l’ho seguito dal grande divano dei social network. E sai che c’è? Mi sono divertito. Quindi, pur avendo snobbato la manifestazione per settimane, il resoconto è d’obbligo.

“Pronto Raphael?”

Mentre tutti i paesi civili hanno trasmesso la diretta con un commento in stile radiofonico, l’Italia ha organizzato una serata ad hoc condotta da Raffaella Carrà. Che la Carrà non sapesse tenere in piedi una diretta, già si sapeva (e Sanremo 2001 ne fu una pietosa conferma), ma di certo non ci aspettavamo una completa e totale anarchia televisiva di queste dimensioni. Toglile i balletti, i fagioli e le lacrime – toglile la struttura canonica dei programmi che ha condotto per decenni – e la Carrà diventa una soubrette alle prime armi. Meglio così, per noi che vogliamo i lulz.

La scelta di mettere su uno show per seguire lo show nasce dalla (supposta) incapacità del pubblico italiano di digerire una diretta commentata con voiceover e che ci sia bisogno dello Studio Con Le Poltrone di Japino per non scioccare troppo la casalinga. Tuttavia, se la lingua e le facce sconosciute dei presentatori in Germania erano un tale spauracchio, non si spiega la presenza di un ospite/opinionista francese che parla francese per tutta la serata. E che ospite. E che opinionista. Bob Sinclar.

Mai si era visto dare tanto spazio a una figura così sgradevole e fuori luogo per puri fini commerciali: la ripetuta e spudorata promozione del singolo “A far la morte comincia tu”. Tre ore ininterrotte di marchetta impreziosita da opinioni non richieste su “cosa ascoltano i giovani”, il download illegale e la solita fuffa sulle emozioni nella musica. Stizzito, Sinclar ha accusato i concorrenti di essere “finti” e “troppo commerciali”. Lui, che ricicla campionamenti da quando è nato e che anziché dare da mangiare a Kelly Rowland come tutti i DJ del pianeta, sceglie la Carrà.

“I am THE WORST.”

La selezione musicale è stata sorprendentemente variegata, segno che l’Eurovision non è più solo scarti di magazzino europop. Oltre alle inevitabili categorie Urlatrici, Nonni Folk e Bocellame sparso, ci sono stati tentativi di nu metal, jazz e Motown. Il tutto confezionato in pacchettini molto radiofonici, ma è più di quello che si possa dire di una tipica annata sanremese.
Persiste, tuttavia, un certo snobismo da parte dell’industria. Se all’Eurovision si andasse per vincere, a rigor di logica l’Islanda manderebbe Björk, la Francia Mylène Farmer, l’Italia la Pausini e il Regno Unito avrebbe centinaia di proposte più allettanti dei Blue (che erano comunque gli unici concorrenti in gara con un minimo di risonanza internazionale). Oppure possiamo riciclare la storia del “trampolino di lancio”, che in effetti l’anno scorso ha funzionato per la vincitrice Lena e sta già funzionando per quella macchina da guerra pop che è Eric Saade.

I CANI

Gualazzi è arrivato secondo ed è ancora difficile crederci. Sebbene l’unica cosa interessante del cantautore sia lo spelling col “ph” del suo nome, questa sera ha fatto centro (e non è stato solo merito degli amuleti e i pentacoli della Caselli). Il meccanismo della gara non permette al paese di votare il suo rappresentante, ma le nazioni confinanti tradizionalmente si danno una mano (ne consegue il successo dei blocchi jugoslavi, scandinavi, ecc.). E mentre erano tutti impegnati ad assegnare i voti più alti ai propri cugini, Gualazzi ha racimolato un piccolo bottino di voti bassi e qualche 12 (da Albania, Spagna, San Marino e Lettonia). Insomma, non ha polarizzato le opinioni ma è stato moderatamente gradito da tutti: questo ha decretato il suo successo.

Fidatevi, è meglio che non abbia vinto perché, se la leggenda del sabotaggio che mi hanno raccontato i Jalisse è ancora valida dopo 13 anni, la Rai non avrebbe fatto i salti di gioia all’idea di organizzare l’Eurovision 2012 in Italia (così spetta al vincitore). Toccherà invece all’Azerbaijan [inserire qui battuta sulla povertà di infrastrutture del paese] che ha sbancato con la formula “Vattene amore”: duetto uomo/donna sentimentale costruito a tavolino. E quanto mi piace dire che io, in tempi non sospetti, l’avevo previsto:

Share:
Share

  • la rospa

    e dei ragazzi a commentare cosa dici? :P

  • http://poptopoi.com Pop Topoi

    La Rospa, lo so che c’eri anche tu, sai? :)

    Penso che il panel è stato in generale puntuale e preparato. Il problema era riuscire a inserire gli interventi nel contesto surreale della Carrà che fingeva di capirne qualcosa e fare la diplomatica allo stesso tempo.

    Però va’ a dire ai tuoi colleghi che hanno fatto troppi troppi riferimenti al singolo di Sinclar e la carriera della Carrà. Ma li avevano pagati?

  • Holden

    Salviamo l’eurofestival, spero che visto lo share basso non lo mettano di nuovo in ghiacciaia, la votazione finale è uno spettacolo.

  • http://flavors.me/panapp panapp

    Che cosa mi sono perso, che cosa mi sono perso.

  • polly

    che cosa mi sono persa, che cosa mi sono persa…

  • malo

    ho solo un commento da fare:
    “quando la persona è Ell o Nikki, il vincitore è azero” [quasi cit. Tatangelo]

  • http://poptopoi.com Pop Topoi

    (Commento de La Rospa arrivatomi via mail perché il sito non la lascia postare.)

    La scaletta è cambiata in corso d’opera, avremmo dovuto finire con un’esibizione sinclar-carrà (che l’ha davvero ricantata per il remix!). a parte imprecisioni varie, da fan di eurofestival potrei schifare lo show di rai2, ma da “analista” capisco che sia l’unico modo per riportarlo al grande pubblico (tant’è che sulle votazioni finali abbiamo avuto gli ascolti maggiori).
    spero che nel giro di qualche anno si torni ad apprezzarlo anche qui :)

  • RozenLylac

    Ahhh, il tuo post finale mi risarcisce di tutte le ore passate a lavorare durante cui mi sono persa tutte le esibizioni. çoç

    Dai, l’anno prossimo facciamo una colletta e ti mandiamo via volo lowcost.

  • andrea

    Io mi sono divertito da matti e il trash offertoci gentilmente da raidue è stata semplicemente la ciliegina sulla torta. Adoro.
    Comunque la cosa interessante è che ormai una televisione che non poggia sulla base di una twittercronaca è una televisione che non ha motivo di esistere. #sanremo docet.