Eurovision Song Contest 2018: la guida alle canzoni

Benvenuti alla consueta guida per districarsi tra le proposte musicali dello Eurovision Song Contest nonché la guida in cui l’anno scorso si leggeva che Gabbani avrebbe vinto. Volevo dire all’Europa che NON MI AVETE FATTO NIENTE.

Riepilogando:

    • Le semifinali si tengono martedì 8 e giovedì 10 maggio e vanno in onda su Rai4;
    • la finale di sabato 12 maggio va in onda su Rai1;
    • l’Italia, facendo parte delle big five, si qualifica direttamente alla finale e vota nella seconda semifinale.

Dentro queste tabelle trovate: i video ufficiali di tutti i brani; una breve recensione; un giudizio da 1 a 5 sulla qualità del pezzo, la quantità di locura prevista e le possibilità di vittoria (calcolate con un complicato algoritmo che unisce le quotazioni dei bookmakers alla mia preveggenza). Accanto al nome della nazione, la semifinale a cui parteciperà, la F se arriverà in finale e una stellina per le canzoni che meritano la vostra attenzione.

🇦🇱 AlbaniaF🇦🇲 Armenia🇦🇺 AustraliaF🇦🇹 AustriaF🇦🇿 Azerbaijan🇧🇪 Belgio ① ☆🇧🇾 Bielorussia🇧🇬 Bulgaria ① ☆ F🇨🇾 CiproF🇭🇷 Croazia

L’Albania si presenta con una ballata folk rock in albanese accompagnata da un video concettuale in bianco e nero. Il titolo è “Mall”, ma purtroppo non parla di centri commerciali bensì di [va su Google Translate] …”merce”? A ogni modo, anche quest’anno, sarà dura ricambiare i 12 points che gli amici albanesi spesso ci assegnano.

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●

Dopo l’ottima proposta dell’anno scorso, era legittimo aspettarsi un po’ di più dall’Armenia. E invece abbiamo Sevak Khanagyan, che ha partecipato al The Voice armeno, ma ha poi vinto l’X Factor ucraino. Si presenta coraggiosamente con una canzone nella sua lingua madre, ma il titolo “Qami”, ripetuto più volte e con una certa enfasi, crea simpatiche omofonie con l’inglese.

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●

Gli australiani sono gli ultimi arrivati, ma hanno studiato bene il format e hanno collezionato tre risultati in top 10 in tre anni. La loro proposta per Lisbona è altrettanto efficace: è un inno di empowerment da manuale, con una produzione contemporanea ma non modaiola e la voce di una ragazza sorridente dall’immagine (fin troppo) pulita. La partecipazione di Jessica Mauboy è inoltre significativa perché è per metà indigena australiana.

Canzone ●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●●

“L’Austria anche quest’anno vuole rassicurarci che Conchita fu solo un’eccezione, e propone un rassicurante ragazzotto con un brano à la Olly Murs tutto da fischiettare. A rendere il pacchetto ancora più innocuo, c’è un video che lo segue in una gita in montagna.” Questo è ciò che scrivevo l’anno scorso e che posso comodamente riciclare in blocco (perfino la parte della gita in montagna).

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●

Dopo un periodo fortunatissimo nei primi anni della loro partecipazione, gli azeri sono entrati in crisi e non vedono la top 10 dal 2013. Nel 2017 “Skeletons” avrebbe meritato di più, ma era forse troppo edgy (l’uomo con la testa di cavallo!) per convincere tutta l’Europa. Quest’anno si presentano con l’esatto opposto: senza idee, senza fantasia e senza fare centro.

Canzone ●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●●

Chi avrebbe mai detto che i belgi sarebbero diventati una garanzia di qualità allo ESC? Quest’anno si presentano con un brano dalle atmosfere Bond-iane (Sennek ha partecipato a una serie di eventi dal vivo chiamata 007 in Concert) che si fa notare per la sua eleganza. È stato scritto insieme al connazionale Alex Callier, membro dei sempre graditi Hooverphonic. La vittoria è improbabile, ma con un’idea di scena convincente, potrebbe piazzarsi bene.

Canzone ●●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●

I bielorussi arrivano con un ragazzo che sembra aver studiato attentamente il look e gli atteggiamenti delle star del Brit Pop. C’è forse anche un tentativo di replicare quello stile in musica e il risultato è singolare: un compromesso tra una ballata di Richard Ashcroft (o Jake Bugg, se vogliamo cercare un riferimento più attuale) e certe sonorità elettroniche ormai assimilate dallo ESC.

Canzone ●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●

Sono arrivati secondi l’anno scorso e per i bookmakers sono secondi anche quest’anno. Al momento l’artista da battere è l’israeliana Netta, ma è un novelty act che potrebbe non decollare, mentre questi EQUINOX mettono d’accordo proprio tutti: una donna e quattro uomini; tre bulgari e due afroamericani; una ballata con un messaggio di amore universale, contemporanea, epica e di grande efficacia. I due mercenari stranieri (uno viene da America’s Got Talent, l’altro è tra gli autori del brano) fanno il grosso del lavoro vocale cantando le strofe da solisti, e i tempi sarebbero maturi per la vittoria di artisti non-bianchi (il primo e ultimo, per ora, fu Dave Benton di Aruba per l’Estonia nel 2001). Cominciate a guardare i voli per Sofia 2019.

Canzone ●●●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●●●●

Un grande classico eurovisivo: la gnocca caucasica che si sente latina. Il brano in questione è ispirato a un programma in onda su Italia1 a fine anni ’90, ma purtroppo non avrà lo stesso impatto culturale.

[Update 9/5: Non vado mai a correggere le previsioni fatte due settimane prima dell’evento perché altrimenti sarebbe troppo facile, ma quasi nessuno si aspettava un tale entusiasmo per Eleni Foureira (né cotanta graditissima locura). All’indomani della prima semifinale è tra i super-favoriti, quindi ho modificato i voti qui sotto.]

Canzone ●●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●●●●●

Dopo il tenore dell’anno scorso, la Croazia abbandona locura e lol involontario con la seriosissima Franka. Sembra una di quelle canzoni che spuntavano negli anni di popolarità di Amy Winehouse, quando tutte le case discografiche cercavano di cavalcare l’onda e replicare la ricetta senza riuscirci.

Canzone ●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●

🇩🇰 DanimarcaF🇪🇪 EstoniaF🇫🇮 Finlandia ① ☆ F🇫🇷 Francia F🇬🇪 Georgia🇩🇪 Germania F🇬🇷 Grecia🇮🇪 IrlandaF🇮🇸 Islanda🇮🇱 Israele ① ☆ F🇮🇹 Italia F

Preparatevi a una tempesta di battute a tema Game of Thrones anche se non c’entrano niente: la Danimarca sbarca a Lisbona con un vichingo. “Higher Ground” è ispirata alla storia di Magnus Erlendsson, conte non violento, martire e santo del XI secolo. Ci sono storia e concept, pretendere anche una bella canzone era troppo. Aspettatatevi una delle esibizioni più teatrali della serata e un momento di esaltazione per la spesso ignorata nicchia dei maschi eterosessuali.

Canzone ●●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●●●

Gli estoni ci amano. Dopo l’ode a Verona dell’anno scorso, si presentano con un brano lirico interamente in italiano. E che italiano! Versi già mitici: “Quando m’en vo per la via / Sempre libera / Vorrei che intorno a noi sia una favola”; “La forza del destino / Volteggiar mi fa / L’ora è vicina di felicità”. C’è anche un drop che volteggiar mi fa e farebbe volteggiar anche Il Volo. Gli scommettitor la mettono in top 5, scommettiam su di lei un po’ anche noi.

Canzone ●●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●●●●●

Saara Aalto ha provato diverse volte a partecipare allo ESC e ci è sempre arrivata vicina. Quest’anno la Finlandia ha saltato le qualificazioni nazionali e l’ha chiamata direttamente. Lei ha proposto tre canzoni al pubblico e la più amata è stata “Monsters”, un mostro pop/EDM da manuale che diventerà ancora più grosso con la messa in scena (il team è lo stesso che portò Måns Zelmerlöw alla vittoria). Inoltre Saara è già famosetta nel Regno Unito perché arrivò seconda a X Factor UK nel 2016 e famosissima nei paesi scandinavi: otterrà buoni risultati.

Canzone ●●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●●●

La Francia si presenta con la storia di Mercy, bambina nigeriana-ghanese nata un anno fa nelle acque di Sicilia su una nave di Medici Senza Frontiere. La madre, in viaggio dalla Libia, era stata soccorsa poche ore prima del parto. Il duo Madame Monsieur, moglie e marito nella vita, ne ha tratto una canzone su base chill pop. A contrario di altri brani di attualità cantati in prima persona, e che tuttavia cambiano significato a seconda delle interviste e dell’umore degli interpreti, “Mercy” è politica e soprattutto empatica. A contrario di altri videoclip che riciclano immagini di attualità accompagnandole a volti di bambini cercando choc e lacrime, “Mercy” ha un video che celebra, con idee d’impatto ma anche grande delicatezza, le persone che permettono a Mercy e sua madre di sopravvivere. I Madame Monsieur non hanno solo una bella canzone, hanno un messaggio chiaro per l’Europa e soprattutto per il loro paese di provenienza. I migliori in gara.

Canzone ●●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●●●

I georgiani hanno sentito la canzone che ha vinto l’anno scorso e hanno deciso di riprodurne un po’ il mood, ma in georgiano e con molti gilet. Tutto sommato sarebbe anche gradevole, ma è difficile che una band etno-jazz arrivi in finale.

Canzone ●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●

I tedeschi sono in sensibile miglioramento, nel senso che dopo essere arrivati ultimi nel 2015 e nel 2016, l’anno scorso sono arrivati penultimi. Questa ballatina fara meglio? Certo! (Non se ne può parlare male perché parla della morte di un genitore.)

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●

Gli scommettitori mettono Yianna Tierzi in zona top 10. Cosa ci trovano? Boh! La canzone e cornamusamente generica ed è cantata in greco. Lei ha dei bellissimi ricci, ma purtroppo quest’anno lo sponsor non è più Schwarzkopf.

Canzone ●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●

Ryan O’ Shaughnessy è arrivato in finale sia a The Voice che a Britain’s Got Talent, quindi è normale che ci creda un casino. Porta una canzone d’amore che potrebbe cantare Ronan Keating accompagnata da un video in cui lui e un altro ragazzo improvvisano un balletto a Temple Bar. Il tutto è eteronormativamente molto tenero, ma comunque troppo gay per la Russia, che potrebbe censurare l’esibizione. Ryan su Twitter ha reagito nel modo giusto, quindi bravo Ryan. (Però la prossima volta porta una canzone migliore.)

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●

Islanda, amore mio, ma non avevi nulla di meglio da proporre essendo una nazione dove una persona su due è un musicista avanti anni luce? Inclassificabile.

Canzone ●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●

Ecco Netta, la super-favorita finora. Cosa può succedere ai super-favoriti l’abbiamo sperimentato sulla nostra pelle l’anno scorso, quindi è meglio che la ragazza non si faccia troppe illusioni. Come Gabbani, non è un novelty act fine a se stesso, ma ciò che gli eurofan e la stampa trovano fantastico a febbraio non necessariamente convince 42 nazioni a maggio. Di sicuro lascerà il segno come una delle canzoni più strambe e divertenti delle ultime edizioni.

Canzone ●●●●
Locura ●●●●
Possibilità di vittoria ●●●●●

🇱🇻 Lettonia🇱🇹 LituaniaF🇲🇹 Malta ② ☆🇲🇩 MoldaviaF🇲🇪 Montenegro🇳🇴 NorvegiaF🇳🇱 Paesi BassiF🇵🇱 Polonia🇵🇹 PortogalloF🇬🇧 Regno Unito F🇨🇿 Repubblica CecaF

La Lettonia, che nelle ultime edizioni si è sempre fatta notare per le sue proposte hipster, quest’anno si è un po’ calmata. Il livello resta alto: la canzone è scritta, arrangiata e interpretata bene, ma non è sorprendente.

Canzone ●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●

La voce della Lituania la possiamo mettere nella cartella “Danni causati da Ellie Goulding”. Se poi ci aggiungiamo che è una canzone sul diventare vecchi interpretata da una che sembra volersi nascondere in un angolo, abbiamo l’opposto di un’idea che spacca allo Eurovision. O “La vasca da bagno del tempo” di Erica Mou, che però era bellissima.

Canzone ●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●

Innanzitutto, video pazzesco. Dentro c’è talmente tanta roba che non si sa da dove iniziare: richiama una decina di film/telefilm distopici senza plagiare niente, e ci aggiunge un messaggio sulla salute mentale (una causa che sta a cuore alla cantante Christabelle). Il tutto avvolto in una produzione svedese perfetta per far ballare l’Euroclub fino al 2019. Insomma, WIG.

Canzone ●●●●
Locura ●●●●
Possibilità di vittoria ●●●

Dopo essere arrivati terzi a sorpresa con la canzone del sax l’anno scorso, i moldavi puntano nuovamente sulla musica brutta. Del resto, li abbiamo incoraggiati anche noi coi nostri 12 punti: complimenti a tutti. I DoReDos (Ciak Gulp) fanno folk-pop da luna park con tutti i tic fastidiosi del filone Yolanda Be Cool (ce ne libereremo mai?)

Canzone ●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●●●

Se l’Europa l’anno scorso non era pronta per Slavko e la sua treccia rotante, ridatecelo ogni anno finché non vince. Questo mappazzone è indigeribile, ma il cantante si chiama Vanja, che è un nome abbastanza simile a VANJIE per tirarci fuori qualche tweet spiritoso, quindi è ok.

Canzone ●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●

Se la faccia di Alexander Rybak vi è familiare è perché nel 2009 vinse lo Eurovision Song Contest con “Fairytale”. Quindi chi meglio di lui sa spiegarci come scrivere una canzone? “That’s How You Write a Song” è la masterclass in cantaurato che Alexander ha deciso di portare a Lisbona. Con un titolo così pretenzioso sarebbe lecito aspettarsi un risultato degno di John Lennon, ma qui non siamo nemmeno al livello di Biagio Antonacci.

Canzone ●●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●●●●

I Paesi Bassi puntarono sul country nel 2014 e arrivarono secondi coi Common Linnets. La metà maschile di quel duo torna in gara quest’anno, cercando di portare il Tennessee in Portogallo o almeno delle brutte camicie da rodeo. Waylon ci crede tantissimo (lo intervistai nel 2014 e riuscì a infilare “Nashville” in ogni risposta), ma in una gara in cui non si possono suonare strumenti, la sua esibizione avrà senso?

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●

Mi è venuto in mente che il genere musicale dello Eurovision si può riassumere con la parola “Avicii”. Da qualche anno a questa parte, almeno metà delle canzoni in gara cercano di riprodurre quel sound. Questo è uno di quegli esempi in cui il tentativo fallisce, ma ci ricorda l’impatto del produttore svedese.

Canzone ●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●

I padroni di casa propongono un altro brano raffinato e inaspettato (anche se meno legato alla tradizione locale rispetto a quello di Sobral). Se ho capito bene, parla di una tipa che si prende cura del giardino della persona che amava perché questa è morta, lol. Ha funzionato l’anno scorso, è improbabile che funzioni due volte di fila, ma parabéns.

Canzone ●●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●

Ogni anno la stessa storia. Non se la sentono né di vincere né di perdere male e fanno il compitino giusto per prendere la sufficienza. SuRie assomiglia un po’ a Malika Ayane, tuttavia “Tempesta” di Malika Ayane > “Storm” di SuRie.

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●

Vi state chiedendo dove avete già sentito questa canzone? Hanno preso “Talk Dirty” di Jason Derulo e l’hanno sbiancata. Nel testo, il giovanotto ceco dice anche di desiderare una ragazza con la faccia di Madonna. Sarà contento di sapere che potrebbe incontrare quella vera, visto che la Ciccone ora abita a Lisbona ED È SINGLE! ;)

Canzone ●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●●●

🇲🇰 Rep. di Macedonia🇷🇴 Romania🇷🇺 Russia 🇸🇲 San Marino🇷🇸 SerbiaF 🇸🇮 SloveniaF🇪🇸 Spagna F🇸🇪 SveziaF🇨🇭 Svizzera🇺🇦 UcrainaF🇭🇺 UngheriaF

Una produzione a buon mercato in cui strofa, bridge e ritornello sembrano presi da canzoni diverse eppure hanno senso insieme: non sto descrivendo una hit a caso delle Girls Aloud bensì “Lost and Found” degli Eye Cue. L’originalità del pezzo meriterebbe la finale, ma sarà difficile.

Canzone ●●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●

Adoro il pleonastico nome della band, ma sembra che gli Humans partano con l’idea di fare il rock dei Cranberries e il risultato è il rock di Emma Marrone.

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●

Copio e incollo il riassunto dell’anno scorso per chi si fosse perso le puntate precedenti: “La Russia propone la sua cantante all’ultimo minuto, l’Ucraina le nega l’accesso perché nel 2015 si sarebbe recata in Crimea senza permesso per fare un concerto, l’EBU propone di raggiungere un compromesso e farla esibire dalla Russia via satellite, la Russia rifiuta, si ritira dalla gara e forse non la trasmetterà nemmeno. Al di là di questi battibecchi diplomatici, che non abbiamo gli strumenti per commentare ma che accogliamo comunque con un caloroso “anche meno”, sarà interessante vedere come si tradurrà questa mossa nelle votazioni. Come verranno distribuiti tutti i punti tradizionalmente assegnati alla Russia?”

Alle fine la Russia non mandò davvero in onda l’evento e il blocco sovietico assegnò molti dei suoi punti alla Bulgaria. Julia Samoylova ha un’altra chance a Lisbona con una canzone piuttosto anonima, ma è chiaro che qui la musica passi in secondo piano rispetto alla politica: come verrà riaccolta la Russia in gara? I bookmakers la piazzano a metà classifica.

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●

Si sa che ogni anno senza Valentina Monetta è un anno di magra. La piccola repubblica quest’anno propone la maltese Jessika featuring la tedesca Jenifer – la prima nel ruolo di Jessie J e la seconda nel ruolo di Nicki Minaj con rap a sorpresa. Per qualche ragione, nel video ci sono pure due robot danzanti (Robozao’s impact?). In bocca al lupo, ma la finale è un traguardo difficile.

Canzone ●●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●

Ecco il momento folk balcanico con sorpresa dance. Sono alla lettera S, pietà.

Canzone ●●●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●●

La Slovenia è inaspettatamente moderna e urban. Cambiando la lingua, potrebbe quasi essere k-pop, e anche nella messa in scena ci sono delle idee semplici ma efficaci. Se andasse male, Lea Sirk può giocarsi la carta della versatilità, visto che ha partecipato al Tale e quale show locale imitando Sobral.

Canzone ●●●
Locura ●●●
Possibilità di vittoria ●●

È da qualche anno che i duetti d’amore non convincono l’Europa, ma “Tu canción” e questi due bei visini puliti sono già molto amati dagli eurofan più romantici. Il valore strettamente musicale è vicino allo zero, ma i trottolini amorosi vanno sempre tenuti d’occhio.

Canzone ●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●●

Dal 2011 a oggi hanno mancato la top 5 solo una volta e vinto due volte: quanto può durare il regno della Svezia? A Lisbona si presentano col ventenne Benjamin Ingrosso e una canzone 50% Justin Bieber e 50% The Weeknd dal grande appeal radiofonico. La messa in scena, già proposta alle selezioni nazionali, è come sempre futuristica e impeccabile. Non sono in odore di vittoria, ma faranno molto bene.

Canzone ●●●
Locura ●
Possibilità di vittoria ●●●●

Gli ZiBBZ si sentono un po’ Britney in “I Love Rock ‘n’ Roll”, solo che nel video un gruppo giovani in rivolta inizia a tirare loro molotov e bombe che esplodono in polvere colorata (si può fare la guerra con le bath bomb di Lush?). Il messaggio non si capisce bene, ma nel dubbio presumo sia pacifista. Gli scommettitori li mettono tra gli ultimi e arrivare in finale sarà difficile.

Canzone ●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●

Grazie al sito dello Eurovision, che ci informa che il cantante ucraino ha scelto di chiamarsi MELOVIN unendo “Halloween” e “Alexander McQueen”. (Ehm, no, non ha senso, ho fatto fact checking e sono lettere diverse.) La sua idea di scena nel video è salire una scala che porta a un pianoforte a coda mentre l’impalcatura sotto di lui va a fuoco. “Monster Ball” levati proprio. Chissà se glielo lasciano fare anche a Lisbona? Vabbè. La canzone è bruttina.

Canzone ●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●

Finalmente un po’ di metallo in ungherese, disse nessuno mai guardando lo Eurovision. E tuttavia il brano di AWS è molto meglio di tante cafonate pop/folk/dance che sentiamo tutti gli anni, quindi ben vengano questi tre minuti di giovedì sera in cui potremo sentirci tutti un po’ Aggretsuko.

Canzone ●●●
Locura ●●
Possibilità di vittoria ●●